L'analisi gustativa: Ninki Black Junmai Ginjo

26 23, giovedì 2 min lettura

L'analisi gustativa: Ninki Black Junmai Ginjo

Analisi gustativa di Enoteca Kodama, Roma

Junmai ginjo del tutto particolare che fermenta in grandi tini di cedro da 6.500 litri e che viene ottenuto utilizzando due diverse tipologie di riso, il Gohyakumanseki per il kojimai e Chiyonishiki per il kakemai, caratteristica che ne esalta esponenzialmente la complessità.

Appena versato, il colore che vira verso il paglierino rivela subito il contatto con il legno. Nonostante al naso già a circa 10° sfoderi subito un’aromaticità da manuale, dopo una breve permanenza nel calice emerge la sua particolare capacità di declinare il ginjo-ka. 

Una prima impressione di latte di cocco e melone bianco lascia presto spazio a profumi balsamici, perfino mentolati, e se resta comunque traccia di frutta si tratta di una nota citrica, fresca e acida.

La parte balsamica si evolve poi fino a integrarsi con l’impressione lattica iniziale, dando vita a una splendida nota di crema di menta.

Acquista qui Ninki Black

Il sorso rivela una texture gustativa inedita; è cremoso a tal punto da ricordare la sensazione tattile della gomma arabica o dei mochi, e la ragione di questa tattilità pronunciata è da ricercarsi sicuramente nel contenitore che ne ospita la fermentazione.

Sebbene la cremosità possa far pensare a un sake "pesante", va sottolineato come la freschezza balsamica, la secchezza e la piacevole pungenza quasi pepata ne aiutino incredibilmente la beva.

Man mano che la temperatura sale verso i 16°, emerge un’insospettabile comparto umami. Un prezioso gioco di equilibri tra riso, melone bianco e ciliegia caramellata crea un connubio talmente riuscito da rendere questa temperatura di servizio a nostro parere preferibile a quella iniziale, nonostante una nota alcolica ben presente, che però non disturba affatto.

Un sake che accoglie il bevitore con grande immediatezza ma che, se saputo aspettare, regala una notevole complessità umami.

Vuoi sapere qual è il lievito usato per produrre questo sake, la sua gradazione alcolica o la percentuale di sbiancatura del riso?



Anche in Sake Blog

Febbraio 2023: Amabuki Junmai Daiginjo White
Febbraio 2023: Amabuki Junmai Daiginjo White

10 23, lunedì 3 min lettura

Amabuki Junmai Daiginjo White, dall’aroma di pera e mela rossa, viene prodotto con lieviti estratti da un fiore chiamato Oshiroibana (Daphniphyllum macropodum).
Finalmente di nuovo in sakagura!
Finalmente di nuovo in sakagura!

42 23, mercoledì 4 min lettura

Sono Sake Sister Giulia e vi porto con me in un incredibile viaggio all’interno di una sakagura… Pronti per partire? Finalmente è tornato l’inverno e con lui è iniziata la stagione del sake...

Gennaio 2023: Chiyokotobuki Genshu Junmai Ginjo
Gennaio 2023: Chiyokotobuki Genshu Junmai Ginjo

00 22, venerdì 2 min lettura

Junmai Ginjo Genshu Toraya viene prodotto a gennaio, quando il clima è estremamente freddo, e viene fatto fermentare lentamente a bassa temperatura per circa 28 giorni. 

Iscriviti alla newsletter