Nella rubrica "I Segreti del Sake" clicca e scopri di più sull'Ato-aji  あと味!

30 17, lunedì 1 min lettura

sake

 

Cari amici, conoscete il significato della parola “ato-aji”?

 

Ato-aji (あと味) indica il sapore che rimane dopo aver deglutito il sake. L’espressione non si riferisce al gusto dolce o amaro, ma in generale all’equilibrio di sensazioni che rimane in bocca dopo aver deglutito.

Segreti del sake

La qualità del sapore può essere descritta con il termine “kire", derivato del verbo tagliare, che indica una sensazione in bocca pulita e secca. Durante una degustazione “kire”  può essere usato in combinazione con la parola “yoi"(buono) per formare l’espressione “ Kire ga yoi “, descrivendo un sake dal  retrogusto buono e asciutto.

Un’altra espressione usata per descrivere il sake è pin, che indica un sake dal sapore deciso e con un retrogusto non particolarmente intenso.

La corretta terminologia per la degustazione professionale del sake è uno dei tanti argomenti che potrete approfondire durante i corsi della Sake Sommelier Association (SSA).

 A presto e Kanpai!



Anche in Sake Blog

L'analisi gustativa: Ninki Black Junmai Ginjo
L'analisi gustativa: Ninki Black Junmai Ginjo

26 23, giovedì 2 min lettura

Giulio e Marco dell'enoteca Kodama di Roma ci guidano in un'affascinante analisi gustativa del sake Ninki Black Junmai Ginjo... clicca e leggi l'articolo!
Finalmente di nuovo in sakagura!
Finalmente di nuovo in sakagura!

42 23, mercoledì 4 min lettura

Sono Sake Sister Giulia e vi porto con me in un incredibile viaggio all’interno di una sakagura… Pronti per partire? Finalmente è tornato l’inverno e con lui è iniziata la stagione del sake...

Gennaio 2023: Chiyokotobuki Genshu Junmai Ginjo
Gennaio 2023: Chiyokotobuki Genshu Junmai Ginjo

00 22, venerdì 2 min lettura

Junmai Ginjo Genshu Toraya viene prodotto a gennaio, quando il clima è estremamente freddo, e viene fatto fermentare lentamente a bassa temperatura per circa 28 giorni. 

Iscriviti alla newsletter