Nella rubrica " I Segreti del Sake " clicca e scopri di più sul Ato-aji  あと味!

30 17, lunedì 1 min lettura

sake

 

Cari amici, conoscete il significato della parola “ato-aji”?

 

Ato-aji (あと味) indica il sapore che rimane dopo aver deglutito il sake. L’espressione non si riferisce al gusto dolce o amaro, ma in generale all’equilibrio di sensazioni che rimane in bocca dopo aver deglutito.

Segreti del sake

La qualità del sapore può essere descritta con il termine “kire", derivato del verbo tagliare, che indica una sensazione in bocca pulita e secca. Durante una degustazione “kire”  può essere usato in combinazione con la parola “yoi"( buono) per formare l’espressione “ Kire ga yoi “, descrivendo un sake dal  retrogusto buono e asciutto.

Un’altra espressione usata per descrivere il sake è pin, che indica un sake dal sapore deciso e con un retrogusto non particolarmente intenso.

La corretta terminologia per la degustazione professionale del sake è uno dei tanti argomenti che potrete approfondire durante i corsi della Sake Sommelier Association (SSA).

 A presto e Kanpai!



Anche in Sake Blog

Maggio 2021: JAMMAI DA GINO - RISO SAKE
Maggio 2021: JAMMAI DA GINO - RISO SAKE

33 21, domenica 3 min lettura

Prodotto con riso Carnaroli eccezionalmente sbramato al 40-45%, questo sake rappresenta l'essenza e lo spirito della cultura perfezionista giapponese.
Dewazakura Tsuyahime
Sake del Mese - Aprile 2021: Dewazakura Tsuyahime

29 21, giovedì 3 min lettura

Il koji
Il koji

12 21, sabato 3 min lettura

Il sake è un fermentato, come il vino, ma la sua produzione prevede un passaggio in più perché il suo ingrediente principale, il riso, non contiene naturalmente gli zuccheri necessari alla fermentazione.

Iscriviti alla newsletter