Nella rubrica " I Segreti del Sake " clicca e scopri di più sul Ato-aji  あと味!

30 17, lunedì 1 min lettura

sake

 

Cari amici, conoscete il significato della parola “ato-aji”?

 

Ato-aji (あと味) indica il sapore che rimane dopo aver deglutito il sake. L’espressione non si riferisce al gusto dolce o amaro, ma in generale all’equilibrio di sensazioni che rimane in bocca dopo aver deglutito.

Segreti del sake

La qualità del sapore può essere descritta con il termine “kire", derivato del verbo tagliare, che indica una sensazione in bocca pulita e secca. Durante una degustazione “kire”  può essere usato in combinazione con la parola “yoi"( buono) per formare l’espressione “ Kire ga yoi “, descrivendo un sake dal  retrogusto buono e asciutto.

Un’altra espressione usata per descrivere il sake è pin, che indica un sake dal sapore deciso e con un retrogusto non particolarmente intenso.

La corretta terminologia per la degustazione professionale del sake è uno dei tanti argomenti che potrete approfondire durante i corsi della Sake Sommelier Association (SSA).

 A presto e Kanpai!



Anche in Sake Blog

Sake del Mese - Luglio 2020: Ninki Black
Sake del Mese - Luglio 2020: Ninki Black

50 20, mercoledì 4 min lettura

Questo junmai ginjo viene prodotto dalla sakagura Ninki, situata nella regione del Tohoku, nel nord del Giappone, con l’utilizzo di vasche di legno da 6.500 litri per la fermentazione.

 

Riso e sake
Il Riso

00 20, mercoledì 4 min lettura

Insieme a grano e mais è uno dei tre principali cereali esistenti e attualmente in Giappone ne vengono coltivate circa 300 tipologie.
Yuzu cocktail
Yuzu Cocktail Set

34 20, lunedì 1 min lettura

Hai in programma un weekend di sole in giardino o sul terrazzo di casa? 

Iscriviti alla newsletter