Sake del Mese - Febbraio 2021: Dewanoyuki Kimoto Junmai

09 21, lunedì 2 min lettura

DEWANOYUKI KIMOTO

Il sake junmai Dewanoyuki Kimoto, della sakagura Watarai Honten di Tsuruoka, Yamagata, viene prodotto grazie al kuramoto Toshihito Watarai, il più conosciuto e rispettato a Yamagata. Basti pensare che moltissimi kurabito hanno studiato da lui per migliorare la loro tecnica e imparare i segreti dell’arte della produzione del sake.

RISO

Per la produzione del Dewanoyuki kimoto viene usato, per quanto riguarda lo shubo (25% del riso totale), il riso da sake Miyamamishiki, sbramato al 60% per il kojimai e al 65% per il kakemai.

Si tratta di un riso duro, adatto per l’appunto a produrre kimoto.

Per il moromi (75% del riso totale), invece, viene utilizzato riso Haenuki, levigato al 65% di seimaibuai.

Haenuki è un riso da tavola che, a differenza di altre tipologie della stessa categoria, come Tsuyahime o Koshihikari, ha una consistenza dura. Costa quindi meno di un sakamai, ma è un riso di alta qualità.

Sia Miyamanishiki che Haenuki derivano dal riso Kamenoo e presentano un chicco duro, che si scioglie lentamente e risulta quindi perfetto per la produzione di sake kimoto.

 

Acquista ora!

 

ACQUA

L’acqua utilizzata è acqua potabile filtrata con un filtro particolare fatto in magnesio e ceramica, che aggiunge minerali. Poiché i minerali si nutrono di lievito, è molto importante che l’acqua che si usa per fare il sake con metodo kimoto ne contenga.

LIEVITO

Vengono utilizzati due tipi di levito in produzione: il numero 7, originale di Masumi, schiumogeno (non sviluppato e modificato in laboratorio), e il Kyokai kobo numero 701, non schiumogeno. Questa scelta è dovuta al fatto che il lievito schiumogeno fermenta anche nella schiuma ed è difficile controllare la fermentazione al 100%. D'altra parte, il lievito non schiumogeno ha una fermentescibilità leggermente debole. L'utilizzo dei due tipi di lievito ha il vantaggio di rendere più facile la gestione e la riuscita di una perfetta fermentazione.

I lieviti vengono aggiunti dopo la reazione dei nitriti e la comparsa degli acidi lattici in più volte, osservando man mano la progressione della fermentazione.

Batteri -> Nitriti -> Acidi lattici -> lieviti -> termine della fermentazione
           2 settimane                                        2 settimane


PRESSATURA

Al termine della fermentazione, il sake viene pressato con macchina Yabuta e messo in tanica a risposare per una settimana circa per far scendere i residui che lasciano un gusto poco piacevole.

Viene poi filtrato con SF filter per togliere i micro-residui e pastorizzato una prima volta. A questo punto, viene diluito, imbottigliato e pastorizzato ancora.

 

Acquista ora!


Per saperne di più sul metodo kimoto e su questo sake, guarda anche questo video!

 

Prova questo sake con la ricetta della nostra Maiko, mousse di ricotta fresca con edamame ed erbe aromatiche!

Mousse di ricotta fresca con edamame e erbe aromatiche

リコッタと枝豆のハーブ風味ムース。

  • Fate cuocere degli edamame freschi oppure surgelati per 2-3 minuti in acqua salata bollente.
  • Togliete gli edamame dal guscio e, se volete, tritateli grossolanamente.
  • Mescolate gli edamame con la ricotta fresca, salate, pepate e aggiungete le vostre erbe aromatiche preferite (menta e basilico sono molto indicati).
  • Grattugiate anche un po’ di scorza di lime, se vi piace.

Mousse di ricotta fresca con edamame e erbe aromatiche

Infine, se desiderate un gusto più intenso, aggiungete un po’ di maionese.

Spalmate su crostini e… BUON APPETITO!

Acquista ora!

 



Anche in Sake Blog

Come si beve il sake?
Come si beve il sake?

31 21, giovedì 3 min lettura

Il sake viene percepito tanto al naso quanto al palato, e spesso questo avviene in maniera disgiunta, ossia il palato non conferma necessariamente ciò che ha percepito il naso.
Konishi Ootegara
Sake del Mese - Gennaio 2021: Konishi Ootegara Junmai Daiginjo

12 21, venerdì 3 min lettura

Il lievito utilizzato resta un segreto del kuramoto Konishi Akiko e dei suoi collaboratori, mentre il riso è il Nihon Bare, usato sia per il Kakemai che per il Kojimai.
Il sake si beve freddo o caldo
Il sake si beve caldo o freddo?

00 20, martedì 4 min lettura

Per tanti anni, prima del boom della cucina giapponese nel nostro paese, quando ancora solo i ristoranti cinesi erano un diversivo alla cucina italiana, il sake era ancora sconosciuto e nessuno o pochi mettevano in dubbio che quello fosse il modo corretto di servirlo.

Iscriviti alla newsletter