Sake del Mese - Febbraio 2021: Dewanoyuki Kimoto Junmai

09 21, lunedì 2 min lettura

DEWANOYUKI KIMOTO

Il sake junmai Dewanoyuki Kimoto, della sakagura Watarai Honten di Tsuruoka, Yamagata, viene prodotto grazie al kuramoto Toshihito Watarai, il più conosciuto e rispettato a Yamagata. Basti pensare che moltissimi kurabito hanno studiato da lui per migliorare la loro tecnica e imparare i segreti dell’arte della produzione del sake.

RISO

Per la produzione del Dewanoyuki kimoto viene usato, per quanto riguarda lo shubo (25% del riso totale), il riso da sake Miyamamishiki, sbramato al 60% per il kojimai e al 65% per il kakemai.

Si tratta di un riso duro, adatto per l’appunto a produrre kimoto.

Per il moromi (75% del riso totale), invece, viene utilizzato riso Haenuki, levigato al 65% di seimaibuai.

Haenuki è un riso da tavola che, a differenza di altre tipologie della stessa categoria, come Tsuyahime o Koshihikari, ha una consistenza dura. Costa quindi meno di un sakamai, ma è un riso di alta qualità.

Sia Miyamanishiki che Haenuki derivano dal riso Kamenoo e presentano un chicco duro, che si scioglie lentamente e risulta quindi perfetto per la produzione di sake kimoto.

 

Acquista ora!

 

ACQUA

L’acqua utilizzata è acqua potabile filtrata con un filtro particolare fatto in magnesio e ceramica, che aggiunge minerali. Poiché i minerali si nutrono di lievito, è molto importante che l’acqua che si usa per fare il sake con metodo kimoto ne contenga.

LIEVITO

Vengono utilizzati due tipi di levito in produzione: il numero 7, originale di Masumi, schiumogeno (non sviluppato e modificato in laboratorio), e il Kyokai kobo numero 701, non schiumogeno. Questa scelta è dovuta al fatto che il lievito schiumogeno fermenta anche nella schiuma ed è difficile controllare la fermentazione al 100%. D'altra parte, il lievito non schiumogeno ha una fermentescibilità leggermente debole. L'utilizzo dei due tipi di lievito ha il vantaggio di rendere più facile la gestione e la riuscita di una perfetta fermentazione.

I lieviti vengono aggiunti dopo la reazione dei nitriti e la comparsa degli acidi lattici in più volte, osservando man mano la progressione della fermentazione.

Batteri -> Nitriti -> Acidi lattici -> lieviti -> termine della fermentazione
           2 settimane                                        2 settimane


PRESSATURA

Al termine della fermentazione, il sake viene pressato con macchina Yabuta e messo in tanica a risposare per una settimana circa per far scendere i residui che lasciano un gusto poco piacevole.

Viene poi filtrato con SF filter per togliere i micro-residui e pastorizzato una prima volta. A questo punto, viene diluito, imbottigliato e pastorizzato ancora.

 

Acquista ora!


Per saperne di più sul metodo kimoto e su questo sake, guarda anche questo video!

 

Prova questo sake con la ricetta della nostra Maiko, mousse di ricotta fresca con edamame ed erbe aromatiche!

Mousse di ricotta fresca con edamame e erbe aromatiche

リコッタと枝豆のハーブ風味ムース。

  • Fate cuocere degli edamame freschi oppure surgelati per 2-3 minuti in acqua salata bollente.
  • Togliete gli edamame dal guscio e, se volete, tritateli grossolanamente.
  • Mescolate gli edamame con la ricotta fresca, salate, pepate e aggiungete le vostre erbe aromatiche preferite (menta e basilico sono molto indicati).
  • Grattugiate anche un po’ di scorza di lime, se vi piace.

Mousse di ricotta fresca con edamame e erbe aromatiche

Infine, se desiderate un gusto più intenso, aggiungete un po’ di maionese.

Spalmate su crostini e… BUON APPETITO!

Acquista ora!

 



Anche in Sake Blog

Luglio 2021: SOGEN GENSHIN JUNMAI DAIGINJO
Luglio 2021: SOGEN GENSHIN JUNMAI DAIGINJO

22 21, giovedì 3 min lettura

Il Sogen Genshin Junmai Daiginjo viene servito anche caldo, contrariamente a quanto avviene di solito per i sake di questa tipologia che, riconoscibili per il bouquet fiorito e fruttato a livello aromatico, vengono serviti freschi.
Il ruolo dei lieviti nella produzione del sake
Il ruolo dei lieviti nella produzione del sake

59 21, giovedì 3 min lettura

Per la produzione del sake, il lievito scelto è il Saccharomyces cerevisiae, che ha la capacità di fermentare a basse temperature, raggiungere concentrazioni alcoliche superiori ai 20° vol. e produrre composti aromatici molto profumati.
Giugno 2021: INATAHIME GORIKI JUNMAI GINJO
Giugno 2021: INATAHIME GORIKI JUNMAI GINJO

15 21, martedì 3 min lettura

Inatahime è il nome di una dea della mitologia giapponese ed è stato scelto per identificare una fascia di sake della cantina Inatahonten caratterizzati da un delicato gusto femminile.

Iscriviti alla newsletter