COME CONSERVARE IL SAKE

30 18, martedì 2 min lettura

konishi hiyashibori gold

Il sake è un prodotto delicato e per questo nella sake news di Febbraio abbiamo deciso di svelarvi come prendervene cura. Come tutte le bevande ricche di profumi e sapori se esposto a luce, calore o vibrazioni il sake corre il rischio di degradarsi e perdere alcune delle proprietà organolettiche che lo rendono unico.

Ecco alcuni consigli utili per assicurarvi che la vostra bottiglia di sake sia sempre servita in condizioni eccellenti :

- Tenete il sake lontano dai raggi ultravioletti. La luce diretta del sole o luci fluorescenti può danneggiare il sake, in particolare il colore e il sapore. Ecco perché spesso il sake viene conservato in bottiglie di vetro scuro, per proteggere il prezioso liquido dalla luce.

-  Conservate il sake lontano da ambienti riscaldati.  Stanze arredate con caloriferi, armadi esposti alla luce, elettrodomestici che sprigionano calore, sono tutte aree non idonee. Un sake esposto a fonti di calore rischia di sviluppare il carattere Hineka , del quale abbiamo già parlato in una precedente sake news

-  Mantenete le bottiglie di sake in piedi. A differenza del mondo del vino, dove è necessario conservare le bottiglie in posizione orizzontale con il liquido a contatto con il tappo di sughero, il sake può essere conservato in posizione verticale, pronto per essere bevuto !

-  Tenete il sake al riparo dalle vibrazioni. Elettrodomestici o scaffalature vicino a porte chiuse con frequenza possono originare vibrazioni che nel tempo andrebbero a deteriorare le qualità organolettiche del sake

Ricordate che il sake non è protetto come il vino dall’aggiunta di solfiti, e che quindi dovrete avere un occhio di riguardo per essere certi di gustarvi questa fantastica bevanda proveniente dal Giappone al meglio della sua forma!

Kanpai!



Anche in Sake Blog

Konishi Ootegara
Sake del Mese - Gennaio 2021: Konishi Ootegara Junmai Daiginjo

12 21, venerdì 3 min lettura

Il lievito utilizzato resta un segreto del kuramoto Konishi Akiko e dei suoi collaboratori, mentre il riso è il Nihon Bare, usato sia per il Kakemai che per il Kojimai.
Il sake si beve freddo o caldo
Il sake si beve caldo o freddo?

00 20, martedì 4 min lettura

Per tanti anni, prima del boom della cucina giapponese nel nostro paese, quando ancora solo i ristoranti cinesi erano un diversivo alla cucina italiana, il sake era ancora sconosciuto e nessuno o pochi mettevano in dubbio che quello fosse il modo corretto di servirlo.
Sbramatura riso sake
Le tipologie di sake

01 20, venerdì 5 min lettura

Il primo fattore importante nella classificazione dei sake è il livello di sbramatura, ossia di levigatura, del chicco, o meglio la percentuale di chicco rimasta dopo questo processo.

Iscriviti alla newsletter