Sake del Mese - Aprile 2021: Dewazakura Tsuyahime

29 21, giovedì 3 min lettura

Dewazakura Tsuyahime

Il sake junmai ginjo Dewazakura Tsuyahime viene prodotto dalla sakagura Dewazakura di Yamagata con l’utilizzo di riso Tsuyahime, un riso da tavola o hanmai.

Come sappiamo, il riso da tavola ha una parte centrale di amido, shinpaku, molto più piccola rispetto a quella del riso da sake (sakamai). Questa caratteristica comporta anche una lavorazione diversa da quella usata per produrre sake con sakamai. La parte esterna del chicco di riso, nell’hanmai molto presente perché c’è poco shinpaku, è composta da grassi e proteine, che vengono trasformati in aminoacidi con l’azione del koji. Nel caso di utilizzo di hanmai per produrre sake, quindi, otterrò un prodotto con un’alta percentuale di aminoacidi che andranno a caratterizzare anche il gusto finale, in cui l’umami sarà molto spiccato, quasi prepotente.

La parte aromatica, inoltre, sarà meno presente, proprio perché proteine e grassi agiscono quasi come da tappo, diminuendo la capacità di risalita degli aromi. In generale, quindi, un sake prodotto con riso hanmai, sarà sempre un po’ meno aromatico di un sake prodotto con riso sakamai.

 

Acquista ora!


Il riso Tsuyahime è stato sviluppato nel 1998 nella prefettura di Yamagata con l’obiettivo di ottenere un riso che potesse diventare il miglior riso hanmai del Giappone. È infatti un riso molto gustoso, ricco di umami, dal gusto rotondo, ottimo anche mangiato da solo.

Nella produzione del Dewazakura Tsuyahime, i chicchi di questo riso vengono sbramati al 60% di seimaibuai e viene prestata molta attenzione al processo di fermentazione e all’azione dei lieviti, andando a ottenere un sake dal corpo non aggressivo ma molto presente, che mantiene comunque una grande eleganza.

Questa sakagura, produttrice tra l’altro del primo ginjo della storia, ha alle spalle un grandissimo lavoro di ricerca sulla produzione di sake con riso hanmai.

A fine produzione, il sake viene sottoposto a pressatura con macchina Yabuta e pastorizzato solo una volta dopo l'imbottigliamento, per evitare di perdere o indebolire l'aroma di ginjo.

Acquista ora!


I lieviti utilizzati sono il 1801 e il lievito KA, usati spesso dalle sakagura di Yamagata, che rilasciano un aroma di pera matura, molto presente infatti nella parte aromatica di questo sake.

Al naso percepiamo la parte floreale e appunto la pera giapponese nashi. Al gusto è pieno, non grezzo ma più corposo e intenso di un classico ginjo.

Abbinatelo con piatti saporiti a base di pesce, come ad esempio guazzetto, insalata di frutti di mare, capesante gratinate, ostriche o sashimi di molluschi, tartare o sushi di filetto di manzo, preferibilmente Wagyu.

Acquista ora!


E se avete voglia di provare una nuova ricetta, cimentatevi con l’Age-dashi Dofu (tofu fritto con dashi) di Maiko!

L’agedashi dofu è uno dei piatti vegetariani tradizionali dei monaci giapponesi. Il tofu viene fritto e servito con una gustosa salsa al dashi. La leggera dolcezza di questo sake data dal riso Tsuyahime si combina perfettamente con il sapore delicato del tofu e con l’umami della salsa al dashi.

Age-dashi Dofu

Age-dashi Dofu

Per 2 persone:

  • Tofu medio morbido giapponese confezionato con acqua (è preferibile non utilizzare il tofu vellutato) 1 confezione da 300-350 g
  • Amido di mais oppure fecola di patate
  • Friggitelli piccoli 4-6
  • Olio per friggere
  • Daikon 5 cm
  • Zenzero fresco
  • Peperoncino in polvere

Per la salsa:

  • Ajidashi (qui trovate quella di Gourmet Giappone) oppure concentrato di dashi alla salsa di soia 50 ml
  • Acqua calda 70 ml

Preparazione:

  1. Mettete su un piatto della carta da cucina e appoggiateci il tofu. Coprite ancora con carta da cucina e un altro piatto e lasciate così per 30 minuti per eliminare l’acqua.
  2. Nel frattempo, grattugiate il daikon e lo zenzero.
  3. Tagliate poi il tofu in 4 o 6 pezzi, asciugateli e infarinateli con la fecola.
  4. Scaldate l’olio a 180 ° e friggetevi il tofu. Quando i pezzi di tofu diventano leggermente dorati e croccanti raccoglieteli con una schiumarola. Friggete anche i friggitelli avendo l’accortezza di bucarli prima con un coltello per evitare che esplodano durante la cottura.
  5. Scaldate gli ingredienti per la salsa in un pentolino. In due ciotole o patti fondi mettete il tofu e i friggitelli.
  6. Guarnite con daikon e zenzero e versate sopra la salsa calda. Se vi piace, terminate con una spolverata di peperoncino!

Acquista ora!

 



Anche in Sake Blog

Gennaio 2022: NINKI GOLD
Gennaio 2022: NINKI GOLD

07 21, mercoledì 2 min lettura

Junmai Daiginjo fragrante di aroma eccellente e gusto profondo, Ninki Gold è un sake secco ma non troppo, dal finale pulito e leggermente dolce, ed è stato definito dalla stessa sakagura “casual ginjo”, ossia un ginjo acquistabile facilmente da tutti.

Yamada Nishiki, la primadonna del mondo del sake
Yamada Nishiki, la primadonna del mondo del sake

46 21, mercoledì 5 min lettura

Ci sono molte varietà eccellenti di sakamai in Giappone, ma la più famosa, nonché quella che viene considerata la migliore è, senza ombra di dubbio, la Yamada Nishiki.
Novembre 2021: SAKURA BIJIN TARU
Novembre 2021: SAKURA BIJIN TARU

55 21, martedì 3 min lettura

L’etichetta, rappresentante una donna in abiti tradizionali giapponesi, vuole richiamare la tradizione dell’hanami, famosissima in Giappone, che consiste nell’ammirare la spettacolare fioritura dei ciliegi.

Iscriviti alla newsletter