Settembre 2022: RYUSEI MUKU NO KEIFU

19 22, giovedì 2 min lettura

Settembre 2022: RYUSEI MUKU NO KEIFU

Sake prodotto dalla sakagura Fujii Shuzo per la serie RYUSEI Limited series, una collezione di sake fatti con metodo kimoto e riso autoctono senza lievito aggiunto.

Riso

Omachi è una varietà autoctona di riso per sake che cominciò a essere coltivata nel 1859. Inizialmente chiamato "Nihonkusa (due erbe)", si diffuse poi con il nome di "Omachi", la zona in cui veniva coltivato. Considerato il padre del riso per sake, - si dice che circa il 60% di tutto il riso per la produzione di sake discenda dall'Omachi - la grande dimensione dei chicchi e l'eccellente capacità di assorbimento dell'acqua lo rendono adatto alla produzione di koji di ottima qualità, che viene utilizzato per produrre un sake ricco e potente, dal sapore pieno e corposo.

Nello specifico, per questo sake viene utilizzato un Omachi speciale, coltivato nella prefettura di Okayama da agricoltori selezionati quasi in assenza di pesticidi e con compost organico.

Metodo Kimoto senza aggiunta di lievito

Ryusei Muku no Keifu viene prodotto con metodo koshiki ikake yeastless. Rispetto al sokujo (fermentazione rapida), questo metodo si traduce in un sake dal gusto più complesso e dal finale più lungo, caratteristiche aiutate anche dalla lenta maturazione in tanica, che esalta al massimo il potenziale del riso. L'obiettivo era, infatti, quello di dare vita a un sake forte, che potesse essere gustato a un'ampia gamma di temperature. Per ottenerlo, il toji cerca di creare un ambiente in cui i microrganismi naturali (batteri denitrificanti, batteri lattici e lieviti) possano svolgere una sana attività di fermentazione durante la fase dello shubo (madre del sake).

Ovviamente non è facile riuscire in questo intento, dal momento che il clima cambia ogni anno, ed è quindi necessario osservare accuratamente le condizioni ambientali per apportare le dovute modifiche durante la produzione.

Lievito

Niente lieviti aggiunti per questo nihonshu, che vede l’utilizzo del solo lievito naturale della sakagura. In che modo il lievito naturale “di casa” si differenzia dal normale lievito di coltura o dal lievito acquistato dalla Kobo Kyokai (Associazione Lieviti)? Nel caso del lievito “casalingo”, si presume che quest’ultimo sia presente nell'aria o che il lievito dell'associazione utilizzato quell'anno sia mutato nell'aria.

Quando il lievito viene aggiunto, il gusto del sake finale è più semplice e meno strutturato, grazie alla crescita di un singolo lievito puro, mentre quando non viene aggiunto, il gusto diventa più complesso.

Tuttavia, quando non si aggiunge lievito, durante il processo di fermentazione avviene una selezione naturale e il lievito più forte è quello che sopravvive e che viene poi trasformato in aminoacidi, che portano complessità di sapore.

Servizio e Food pairing

Consigliamo di servire Ryusei Muku a temperatura atsukan (50°) e di abbinarlo a piatti dal sapore deciso, come sukiyaki, pesci grigliati marinati con miso, stufati di carne ecc.

Lasciaci un commento

I commenti saranno approvati prima di essere visibili


Anche in Sake Company Club

Gennaio 2023: RAIFUKU JUNMAI GINJO ICHIGO
Gennaio 2023: RAIFUKU JUNMAI GINJO ICHIGO

15 23, lunedì 2 min lettura

In fermentazione viene usato il lievito di fiori di fragola, catalogato con il codice ST-4, contraddistinto da un’acidità fresca che ricorda i frutti di bosco o, appunto, le fragole.
Dicembre 2022: TENJOMUGEN JUNMAI GINJO NIGORI
Dicembre 2022: TENJOMUGEN JUNMAI GINJO NIGORI

19 22, lunedì 3 min lettura

L'uso del lievito Miyagi B3, spesso utilizzato per i sake daiginjo, conferisce a questo nigori un aroma di pera che non si trova solitamente nei sake nigori “classici” presenti sul mercato.

 

Novembre 2022: ARATAMA ONIOUMARU AKA
Novembre 2022: ARATAMA ONIOUMARU AKA

33 22, mercoledì 3 min lettura

Aratama Onioumaru Aka è un sake genshu particolarmente secco prodotto dalla sakagura Wada shuzo che viene fatto invecchiare per tre anni in una speciale "cantina".

Iscriviti alla newsletter